Gres Porcellanato: Rettificato o Non Rettificato - Come Scegliere - читать новости в сфере дизайна и ремонта | Blog Italon
TOP
h
  /  Consistenze   /  Gres Porcellanato: Rettificato o Non Rettificato – Come Scegliere

Gres Porcellanato: Rettificato o Non Rettificato – Come Scegliere

È arrivato il momento di ristrutturare il tuo appartamento, hai già scelto il gres porcellanato come materiale di finitura perchè duraturo, elegante, versatile, facile da pulire e ineguagliabile per stile e personalità. A questo punto rimane soltanto una decisione da prendere riguardo alle tue piastrelle in gres porcellanato: rettificate o non rettificate?

Cominciamo dalle basi: cosa significa “rettificato“? Anche se probabilmente hai già sentito parlare del taglio di piastrelle di porcellana, devi sapere che il gres porcellanato non viene mai tagliato durante il processo di produzione, ma di questo parleremo alla fine dell’articolo.

 

Guardiamo invece alla differenza tra rettificato e non rettificato, un aspetto fondamentale che riguarda gli angoli e i bordi di ogni piastrella.

GRES PORCELLANATO RETTIFICATO

 

Queste piastrelle vengono sottoposte a un processo di rettifica dei bordi: conseguentemente, la loro dimensione reale è leggermente minore di quella nominale. Ad esempio: un formato 60×60, dopo la rettifica, misura in realtà 596 x 596 mm.

La rettifica è un processo con cui i bordi delle piastrelle diventano assolutamente uniformi, con un angolo di 90 gradi e un calibro noto che corrisponde alla dimensione reale.

 

Le piastrelle rettificate permettono la posa di pavimentazioni praticamente prive di fughe, creando un’elegante sensazione di continuità.

 

VANTAGGI

 

  • Pavimentazioni con fughe di 1-2 mm;
  • Possibilità di combinare diversi formati, colori, finiture e persino collezioni;
  • La dimensione effettiva è nota e corrisponde sempre al calibro;
  • Le piastrelle rettificate sono ideali per pareti esterne ventilate;
  • Ampia gamma di formati (60×60, 20×120, 60×120, 80×80, 80×160, ecc.).

PIASTRELLE NON RETTIFICATE

Le piastrelle non rettificate non sono invece sottoposte a ulteriori processi produttivi, e solitamente vengono catalogate in base alle loro dimensioni reali e al loro calibro dopo la cottura. I bordi possono presentare degli angoli smussati o comunque non perfettamente piani, motivo per cui consigliamo di posare le piastrelle non rettificate con fughe di 3 o 4 mm.

 

VANTAGGI

  • Prezzi più bassi;
  • Formati più piccoli.

 

CONCLUSIONI

Se vuoi una pavimentazione apparentemente priva di fughe, ti consigliamo di acquistare piastrelle rettificate di grande formato (60×60 o maggiore).

 

NOTA: tutti i prodotti Italon sono rettificati ad eccezione di tre formati: 7,5×30, 30×30 e 45×45.

E ora, come promesso, un piccolo chiarimento rispetto al concetto di rettifica: non è corretto parlare di “taglio” in quanto le piastrelle rettificate non vengono tagliate ma subiscono semplicemente un processo di perfezionamento dei bordi, così da assicurarne l’uniformità e precisione in fase di installazione.

 

Tutte le informazioni relative al calibro (la dimensione effettiva di una piastrella) sono stampate sulle confezioni dei prodotti. Ci raccomandiamo sempre di leggere attentamente le istruzioni prima di posare le piastrelle. Per saperne di più sugli aspetti tecnici e le caratteristiche del gres porcellanato, ti invitiamo a leggere il nostro articolo “Tono e calibro delle piastrelle. Che cosa sono?“.